Fondazione Carlo e Marise Bo

logo Fondazione BO

Identity area

Identifier

IT-FCMBO

Authorized form of name

Fondazione Carlo e Marise Bo

Parallel form(s) of name

Other form(s) of name

Type

  • Private

Contact area

Type

Address

Street address

Palazzo Passionei Paciotti
Via Valerio 9

Locality

Urbino

Region

Marche

Country name

Italy

Postal code

61029

Telephone

+39 0722 305684

Fax

+39 0722 305686

Note

Description area

History

La Fondazione è stata costituita il 3 febbraio 2000, promossa dall’Ateneo Urbinate, dal Comune di Urbino e dalla Fondazione della Cassa di Risparmio di Pesaro.
La sua principale finalità è di conservare e potenziare la biblioteca di Carlo Bo, anche con l’aggregazione di archivi letterari e storici di particolare rilevanza, favorendo lo studio delle letterature e culture moderne e contemporanee.
Il 31 marzo 2000, con apposita deliberazione, l’Università di Urbino accettava l’offerta di donazione della sua biblioteca, avanzata da Carlo Bo.

Geographical and cultural context

Mandates/Sources of authority

Administrative structure

Records management and collecting policies

Buildings

Palazzo Passionei e' il più considerevole manufatto architettonico di edilizia civile del Quattrocento a Urbino. L’organismo si distende su una superficie molto ampia che comprende l’ultimo tratto di Via Veterani e di via Budassi e la parte di via Valerio che unisce la stessa via Veterani a piazza Gherardi. La famiglia Passionei acquistò l’edificio dal Duca Federico, apportandogli alcune modifiche e accrescimenti. La casa passò dopo la metà del ‘500 alla famiglia Paciotti la quale, a sua volta, la ampliò e abbellì secondo il gusto dell’epoca. La struttura architettonica è stata poi comperata dall’Università, evitandole così il lento degrado al quale altrimenti sembrava essere destinata.

Molti sono gli elementi che permettono di ascrivere il manufatto alle maestranze del Palazzo Ducale. Nel vestibolo, per esempio, il portale di sinistra che immette nella piccola cappella: gli ornati (pilastri, capitelli compositi con conchiglia, architrave) replicano quelli già presenti nel Guardaroba dell’appartamento del duca Federico da Montefeltro. Un terzo portale del ‘500 introduce al sottoportico e quindi al cortile pensile che, secondo un modello caratteristico proprio dell’architettura urbinate, è aperto sul quarto lato verso il paesaggio. Questo spazio viene restituito dall’intervento dell’architetto Giancarlo De Carlo alla sua forma originaria, rimuovendo il tamponamento delle arcate che trasformava il sottoportico in una galleria. Sebbene questo portico sia stato nel tempo modificato dagli accrescimenti in altezza e nei corpi d’ala, tuttavia è ancora ben chiara la misura con la quale è stato costruito e tali proporzioni rivelano la mano di un architetto di altissimo valore. Le attribuzioni si muovono infatti tra le due figure di Luciano Laurana e di Francesco di Giorgio Martini.

Gli spazi vengono impiegati per accogliere i settantamila volumi della biblioteca di Carlo Bo donata all’Università. Il progetto di recupero di De Carlo consiste in un restauro sostanzialmente filologico: esterni ed interni vengono ripuliti, la distribuzione degli ambienti non viene alterata. Viene ripristinata la pavimentazione a formelle in un cotto secondo il disegno originale (che ripete fra l’altro quello del Palazzo Ducale), recuperando per quanto possibile le formelle autentiche. L’intervento sembra seguire le regole di uno scavo archeologico e il gesto architettonico si compie concretamente svelando il primitivo progetto, liberando gli ornati, sorprendendo infine ogni componente decorativa persino nella propria assenza (si vedano per esempio sulle pareti del sottoportico le tracce delle formelle circolari presumibilmente di Francesco di Giorgio Martino e oggi perdute).

Tra gli ambienti del primo piano si segnalano: il Salone collocato nell’ala settentrionale del palazzo e caratterizzato da un lungo fregio con la scritta “MANEAT DOMUS DONEC FORMICA AEQUOR BIBAT ET TESTUDO PERAMBULET ORBEM” (resti questa dimora, finché la formica continuerà a dissetarsi e la tartaruga a percorrer terre) alternata alle raffigurazioni in rilievo della formica e della tartaruga. Di fianco a questo locale è collocata una piccola stanza, un tempo affrescata, le cui porte dipinte nell’800 con la tecnica dell’impiallacciatura riecheggiano quelle intarsiate del Palazzo Ducale; sull’ala opposta si trova un altro ambiente con mensole binate e soffitto ligneo intagliato e dipinto assimilabile ad alcuni disegni del Martini. Al piano nobile, si trova infine una stanza affrescata con paesaggi. Nel sottotetto vengono invece ricavati, su più livelli, confortevoli ambienti di piccole dimensioni.

Gli elementi contemporanei si configurano essenzialmente nella progettazione di design. Discreti mobili d’arredo, quali porte in vetro, poltroncine e piccoli tavoli, trasformano i luoghi di vita quattrocentesca in silenziose sale di lettura, nelle quali l’ospite potrà trovare ristoro intellettuale tra le pagine di un romanzo o di una bella poesia.

da: Tiziana Fuligna, Una giornata con Giancarlo a Urbino visitando le sue architetture,
Comune di Urbino, Assessorato alla Cultura, 2001

Holdings

Finding aids, guides and publications

Access area

Opening times

Access conditions and requirements

Accessibility

Services area

Research services

Reproduction services

La riproduzione in fotocopia del materiale librario della Biblioteca è consentita esclusivamente per motivi di studio nel rispetto della normativa vigente sul diritto d’autore (Legge n.248/2000): è consentita la riproduzione di non oltre il 15% di ciascun volume o fascicolo di periodico, escluse le pagine di pubblicità: tale quota può essere superata solo nel caso di opera rara fuori dai cataloghi editoriali, con autocertificazione dell’utente che ne attesti tale condizione

Public areas

Control area

Description identifier

Institution identifier

Rules and/or conventions used

Status

Level of detail

Dates of creation, revision and deletion

Language(s)

Script(s)

Sources

Maintenance notes

Access points

Access Points

Primary contact

Palazzo Passionei Paciotti Via Valerio 9
Urbino, Marche
IT 61029